info@iuline.it / 06 96668278

Accreditata MUR con D.M. 02/12/2005

Giurisprudenza, classe LMG-01

Istituzione di Diritto Romano

Informazioni

Anno accademico: 2020/2021

Periodo: I ANNO; I SEMESTRE

SSD: IUS/18

Crediti: 12 CFU

Scarica il programma

Nata a Roma il 9 aprile 1981.

Consegue la Laurea in Giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” di Roma, relatore il Prof. Oliviero Diliberto.

Dal novembre 2010 è cultore della materia, membro delle commissioni di esami e collabora presso la cattedra di Istituzioni di Diritto Romano di cui è titolare il Prof. Oliviero Diliberto, presso l’Università di Roma “La Sapienza”.

Nel 2011 è prima classificata al concorso per il 27° ciclo del dottorato di ricerca in Diritto Romano, presso l’Università di Roma “La Sapienza”, titolo che ha conseguito in data 26 marzo 2015, con giudizio “ottimo”, discutendo una dissertazione dal titolo: “Le leges regiae: le testimonianze di Dionigi d’Alicarnasso”.

Nell’a.a. 2011/2012, ha frequentato il corso di “Alta Formazione in Diritto Romano” presso l’Università di Roma “La Sapienza”.

Dal gennaio 2013 è cultore della materia e membro della commissione di esami dell’insegnamento di Storia del diritto romano (e, dal gennaio 2014, anche di quello di Istituzioni di diritto romano) tenuto dalla Prof.ssa Daniela Di Ottavio, presso la “Università della Tuscia” di Viterbo.

Dal novembre 2014 al dicembre 2014 ha seguito un corso intensivo di lingua tedesca presso il “Goethe Institut” di Monaco di Baviera, Germania.

Dal dicembre 2014 fa parte del Comitato di Redazione del Bullettino dell’Istituto di Diritto Romano “Vittorio Scialoja”.

Dal maggio 2017 al novembre 2017 è stata Visiting Scholar presso la Zhongnan University of Economics and Law di Wuhan.

Dal dicembre 2017 è assegnista di ricerca del progetto Erc Scriptores iuris Romani diretto dal Prof. A. Schiavone.

Nel luglio 2020 consegue all’unanimità l’Abilitazione Scientifica Nazionale di II fascia, per il settore concorsuale 12/H1 – Diritto Romano e Diritti dell’Antichità.

Dal marzo 2020 fa parte del Comitato di Redazione di Codex. Giornale romanistico di studi giuridici, politici e sociali.

Questo corso ha come obiettivo quello far conoscere ed apprendere allo studente gli aspetti fondamentali del diritto privato romano che è la base di tutti i diritti privati contemporanei. È importante approcciarsi allo studio di tale materia tenendo ben a mente il fatto che solo a Roma, dagli inizi del II sec. a. C., è possibile rinvenire una c.d. “scienza del diritto”. A differenza che, ad esempio, nell’ambiente ellenistico, dove il ius è studiato unicamente dai filosofi o dai grandi oratori (che poi lo applicano nell’ agorà – ¢gor£), a Roma si afferma una vera e propria “classe” di giuristi professionisti e, quindi, di tecnici del diritto.

 

È altrettanto di rilievo sottolineare come la cultura giuridica romana permase fino all’epoca di Giustiniano (527-565 d. C.) la quale segna la fine, per il diritto, della storia antica. Una curiosità per far meglio comprendere l’importanza che il diritto romano conserva ancora oggi: negli ultimi dieci anni la Repubblica Popolare Cinese ha deciso di adottare il modello romano antico, preferendolo al common law.

 

Tutto ciò premesso, il presente insegnamento sarà costituito da 4 moduli che tratteranno delle istituzioni di diritto romano seguendo lo schema proposto dal giurista Gaio nelle sue Institutiones (un vero e proprio manuale di diritto destinato agli studenti).

  • Modulo 1 – Diritto delle persone e diritto di famiglia.
  • Modulo 2: Il processo civile.
  • Modulo 3: I diritti reali e le obbligazioni
  • Modulo 4: Le successioni ed i legati

 

Nel primo modulo sarà trattata, in primo luogo, la c.d. summa divisio delle persone tra liberi e schiavi; seguirà l’esame dei seguenti istituti privatistici: capacità giuridica e capacità d’agire; lo status libertatis, civitatis, familiae e la capitis deminutio; le manomissioni; cenno sarà

fatto, infine, alle condizioni paraservili. La seconda parte del primo modulo, invece, sarà dedicata allo studio della struttura della familia romana e della posizione giuridica di coloro che ne facevano parte (si affronterà, in specie, il tema della patria potestas con i suoi modi di acquisto e perdita – particolarmente adrogatio, adoptio, conventio in manum, confarreatio, usus -) ed i poteri del paterfamilias; cenni verranno proposti in relazione al matrimonium, per concludere con lo studio dei soggetti sottoposti a tutela e cura.

 

Nel secondo modulo si affronteranno le due principali forme di processo dell’esperienza giuridica romana: il processo per legis actiones (legis actiones che si distinguono in quelle di cognizione – legis actio sacramento in remed in personam; legis actio per iudicis arbitrive postulationem; per conditionem – e di esecuzione – legis actio per manus iniectionem; legis actio per pignoris capionem -) e l’origine del processo formulare.

Nel terzo modulo, dopo aver analizzato le classificazioni tra le cose, si inizierà dalla disciplina del diritto di proprietà e dei suoi modi di acquisto a titolo originario (occupazione, acquisto del tesoro, accessione; specificazione) e derivativo (mancipatio, in iure cessio, traditio) per poi passare all’usucapione. Si proseguirà con lo studio dei diritti reali di godimento (servitù, usufrutto, superficie ed enfiteusi) e si terminerà con il tema delle obbligazioni. Esso sarà trattato con riferimento prima allo schema gaiano presente nelle Institutiones, dove il giurista distingue le fonti delle obbligazioni tra quelle derivanti da contratto e da delitto – menzione a parte si farà all’indebiti solutio –, poi con la tripartizione proposta, sempre dal giurista antoniniano, nell’opera Res cottidianae ove aggiunge il c.d. “contenitore” delle “varie figure”.

Infine, si affronterà la quadripartizione proposta dall’Imperatore Giustiniano che distingue tra obbligazioni che nascono da contratto, da quasi contratto (indebiti solutio, negotiorum gestio, pollicitatio, votum), da delitto e da quasi delitto (iudex qui litem suam fecerit, actio de effusis et deiectis, actio de posito et suspenso, actio contra nautas caupones et stabularios).

 

Nel quarto modulo ci occuperemo della successione mortis causa che si distingue in: testamentaria e legittima (anche detta “intestata”). Quanto alla prima ci soffermeremo sull’analisi delle più arcaiche forme testamentarie romane (ovvero il testamento calatis comitiis e quello in procinctu), procedendo poi con quella della mancipatio familiae e del testamentum per aes et libram. In merito alla seconda, invece, si esaminerà la Legge delle XII Tavole che predeterminava, in astratto, le categorie dei successibili (sui, adgnati, gentiles). A parte tratteremo la successione ab intestato disposta dal pretore con la concessione della bonorum possessio. Infine, si studieranno le disposizioni a titolo particolare, ovvero i legati (legatum per vindicationem,per damnationem, sinendi modo, per praeceptionem.

This course aims at teaching the fundamental aspects of Roman private law which is the basis of civil law It is important to approach the study of this subject bearing in mind the fact that only in Rome, at the beginning of the second century. a. C., it is possible to find a so-called “Law science”. Unlike, for example, in the Hellenistic environment, where the ius is studied only by philosophers or great orators (who then apply it in the ¢gor£) in Rome a real “class” of professional jurists and, therefore, of legal technicians is established. It is equally important here to underline how Roman legal culture persisted until the time of Justinian (527-565 AD) which marks the end of ancient history.

A curiosity to better understand the importance that Roman law still retains in the last ten years the Republic of China has decided to adopt the ancient Roman model, preferring it to the common law.

  • Una buona conoscenza del diritto privato romano antico, in quanto fondamento di quello moderno.
  • L’acquisizione del linguaggio tecnico-giuridico parlato e scritto.

A. Conoscenza e comprensione dei principali istituti del diritto privato romano.

B. Conoscenza e capacità di comprensione delle fonti proposte nei quattro moduli.

C. Acquisizione di linguaggio tecnico-giuridico

D. Capacità di analisi del “sistema” privatistico, funzionale anche per la comprensione dei codici civili contemporanei.

RISULTATI ATTESI

A. Conoscenza delle basi del moderno diritto privato.

B. Approccio adeguato allo studio del diritto antico, nel rispetto del suo lessico originario.

C. Capacità di comunicazione dei temi studiati con terminologia appropriata.

D. Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia.

DIDATTICA EROGATIVA

  • 12h di videolezioni registrate fruibili da piattaforma (24 lezioni da cieca 20’/30’).
  • 4 incontri sincroni in piattaforma (videoconferenze).
  • Podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.

 

DIDATTICA INTERATTIVA

  • 1 forum di orientamento al corso;
  • 4 forum di approfondimento tematico (1 per modulo);
  • possibilità di svolgere lavori di (e in) gruppo;
  • 4 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica in itinere).

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli e slide del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

M. Talamanca, Elementi di diritto privato romano, Milano, Giuffré, 2001.

L’accesso alla prova finale (esame) è subordinato allo svolgimento delle seguenti 4 e-tivity:

  • Modulo 1: Test a risposta multipla sul primo modulo.
  • Modulo 2: Test a risposta multipla sul secondo modulo.
  • Modulo 3: Test a risposta multipla sul terzo modulo.
  • Modulo 4: Stesura di un elaborato scritto che verterà su uno degli argomenti trattati a lezione.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui contenuti del corso e sull’eventuale relazione finale presentata. Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, precisione nelle definizioni e nei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio tecnico-giuridico.