info@iuline.it / 06 96668278

Accreditata MUR con D.M. 02/12/2005

Istituzioni di diritto privato

Informazioni

Periodo: I ANNO; I SEMESTRE

SSD: IUS/01

Crediti: 18 CFU

Scarica il programma

Borsista di Ricerca, 2019/2020. Università di Perugia. Ius/01.

Docente a contratto corso Diritto dei Diritti dell’infanzia, Università Telematica degli Studi, IUL. AA 2019-2020 e 2020-2021

Operatore volontaria dell’Associazione Altro Diritto presso l’Istituto Penale Minorile di Firenze.

Abilitazione alla professione di Avvocato, Corte di Appello di Perugia, Novembre 2018.

Corso di Alta Formazione “In difesa dei bambini a rischio, strumenti giuridici di tutela per i minorenni” presso la Scuola Superiore dell’Avvocatura, Roma. Maggio-Novembre 2018

Dottoressa di Ricerca in Diritto e tutela: esperienza contemporanea e comparazione sistema giuridico romanistico, Università degli studi di Roma, Tor Vergata, Giugno 2018.

Visiting Researcher, Max Planck Institut fur Auslandishes und Internationales Privatrecht , Hamburg, Settembre-Novembre 2016.

Cultrice della materia in Diritto Privato, Dipartimento di Economia, Università di Perugia, Cattedra Prof. F.Scaglione.

Cultrice della materia in Diritto Romano, Dipartimento di Giurisprudenza, Luiss Guido Carli, Roma, Cattedra Prof. A. Masi.

Tirocinio presso il Ministero degli Affari Esteri, Cerimoniale Diplomatico della Repubblica, Ufficio contenzioso, Settembre 2012-Gennaio 2013.

Laurea in Giurisprudenza Luiss Guido Carli, Roma, 2012.

INDICE E DEFINIZIONE DEI CONTENUTI

 

Il diritto privato è quella parte dell’ordinamento giuridico che regola e disciplina i rapporti tra privati.

È la branca del diritto che organizza i comuni rapporti giuridici, patrimoniali e personali dei consociati, oltre a governare i rapporti tra i privati e la Pubblica Amministrazione nei casi in cui questa agisca iure privatorum, ossia come soggetto privato.

Il programma proposto si focalizza sul diritto positivo nazionale considerando alterì le connessioni con il diritto dell’Unione Europea.

L’obiettivo dell’insegnamento è quello di fornire le nozioni e le competenze di base per potersi muovere nel diritto privato comune. Gli argomenti trattati saranno illustrati a livello istituzionale tenendo conto delle innovazioni giurisprudenziali e dell’impatto del diritto comunitario.

 

L’insegnamento del corso di laurea di Istituzioni di Diritto Privato per l’anno accademico 2020/2021 sarà articolato in 6 moduli didattici.

L’architettura così pensata aiuta lo studente a muoversi nella corposità della materia oggetto di studio.

 

  • Modulo 1 – Nozioni preliminari-soggetti del diritto

Il primo modulo sarà dedicato alle nozioni introduttive e ai principi fondamentali del Diritto Privato.  Le fonti del diritto. La norma giuridica, L’interpretazione. Il soggetto del rapporto giuridico. Persone fisiche – Diritti della personalità. Diritto alla vita. Diritto alla salute. Tutela del nome e dell’identità – Tutela della riservatezza e dei dati personali (D. Lgs. n. 196/2003) – Persone giuridiche

 

  • Modulo 2 – Il diritto di famiglia

Il modulo 2 è destinato allo studio della famiglia quale principale formazione sociale nella quale l’uomo svolge la sua personalità.

I rapporti di famiglia.  L’assetto sociale e normativo della famiglia. Il matrimonio. Diritti e doveri dei coniugi. Regime patrimoniale della famiglia. Filiazione. Adozione. Unioni civili.

 

  • Modulo 3 – I diritti reali

Il terzo modulo con il quale si conclude la prima parte del corso è dedicato ai beni e ai diritti reali. La proprietà. Diritti reali di godimento. Comunione. Condominio. Possesso. Detenzione.

  • Modulo 4 – I diritti di obbligazione

Il rapporto obbligatorio: fonti delle obbligazioni. Obbligazioni naturali. Obbligazioni solidali. Modificazione dei soggetti del rapporto obbligatorio. I modi di estinzione. La responsabilità patrimoniale.

 

  • Modulo 5 – I contratti

Il modulo 5 è rivolto allo studio di un istituto centrale dell’intero sistema del diritto privato: il contratto.

Il negozio giuridico. Elementi essenziali del negozio giuridico. Elementi accidentali. Patologie. Rescissione e risoluzione. Disciplina di singoli contratti: compravendita, mandato, mutuo, locazione, appalto.

 

  • Modulo 6 – Successione e tutela dei diritti

Tutela dei diritti. Prova dei fatti. Pubblicità. Prescrizione e decadenza. Successione per causa di morte: principi generali.

Private law is the area of the legal system that regulates and governs relations between individuals. It organizes the patrimonial and personal relationships of the associates, as well as governing the relations between private individuals and the Public Administration where it acts iure privatorum, i.e. as a private entity.

The program focuses on positive national law without neglecting the connections with European Union law.

The aim of the teaching is to provide the basic notions and skills to be able to move in common private law.

The course of Institutions of Private Law it will be divided into 6 teaching modules.

Il corso ha come obiettivo di formare negli studenti competenze di base degli istituti di diritto privato.

Tale conoscenza consente loro di accostarsi ai successivi insegnamenti del corso di laurea.

Le competenze apprese sono dirette a permettere la redazione di semplici formule contrattuali e l’analisi di casi pratici.

Al termine dell’insegnamento gli studenti dovranno dimostrare di:

  • usare in modo rigoroso il linguaggio giuridico;
  • avere conoscenza delle nozioni fondamentali;
  • aver appreso la struttura del codice civile;
  • padroneggiare gli istituti del diritto privato;
  • comprendere i problemi connessi con alcuni istituti di natura privatistica;
  • saper applicare le nozioni acquisite;

A. Conoscenza e comprensione

I discenti al termine del corso avranno acquisito competenze di base relative agli istituti privatistici trattati.

Sarà loro possibile muoversi con padronanza tra le disposizioni del codice civile e le principali leggi speciali che regolano i rapporti di diritto privato.

Gli studenti saranno in grado di esprimersi correttamente attraverso l’utilizzo di un linguaggio tecnico-giuridico adeguato.

 

B. Conoscenza e capacità di comprensione applicate

La trattazione problematica, e la considerazione degli orientamenti di dottrina e di giurisprudenza, spingeranno gli studenti verso uno studio critico degli istituti privatistici.

Il corso mira a sviluppare le capacità logico-argomentative degli studenti, invitandoli ad applicare le nozioni ai casi pratici, anche compilando brevi commenti a sentenze.

In questo senso, gli studenti saranno chiamati ad applicare le competenze acquisite per inquadrare le fattispecie e per rintracciare le risposte più adatte difronte ai casi pratici proposti a lezione, sostenendo con argomentazioni personali le soluzioni che si ritengano più adeguate, indicando le ragioni logico-giuridiche che le giustificano.

 

C. Autonomia di giudizio

L’insegnamento è volto a sviluppare una capacità di giudizio autonomo e critico circa la ratio delle norme. Lo studente si eserciterà in questo senso commentando le pronunce giurisprudenziali.

 

D. Abilità comunicative

Sarà raggiunta l’acquisizione di competenze tecnico-linguistiche adeguate.  Ciò permetterà agli studenti di esprimere le conoscenze assimilate con chiarezza e padronanza terminologica.

 

E. Capacità di apprendimento

Le capacità di apprendimento raggiunte permetteranno agli studenti di affrontare lo studio dei successivi insegnamenti giuridici.

RISULTATI ATTESI

Diversi sono i risultati cui il corso attende.

 

A. Utilizzo di libri di testo avanzati, conoscenza di alcuni temi d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio.

Il corso si propone come base per lo studio e l’apprendimento delle altre materie privatistiche. Lo studente conosce gli istituti fondamentali propri del diritto privato indispensabili anche per gli altri rami del diritto.

Il bagaglio di conoscenze ottenuto con il corso è il presupposto per un’indagine più approfondita su temi specifici, o per l’analisi di problematiche giuridiche più complesse.

 

B. Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di competenze adeguate per concepire argomentazioni, sostenerle e per risolvere problemi nell’ambito della materia oggetto di studio. Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare giudizi autonomia.

Il corsista ha la capacità di identificare ed applicare le norme poste dall’ordinamento per risolvere ipotesi concrete di conflitto tra i privati.

Lo studio dell’insegnamento di Istituzioni di Diritto Privato è fondamentale a prescindere dallo sbocco professionale verso cui si indirizzeranno gli studenti.

 

C. Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni ad interlocutori specialisti e non specialisti.

Al termine del corso si attende che lo studente abbia appreso il linguaggio necessario per esprimersi con gli operatori specialisti oltre che con interlocutori non specialisti.

 

D. Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia.

Lo studente ha compreso le più importanti categorie del diritto privato. Oltre ad avere conoscenza degli istituti giuridici di base, ha conseguito una buona confidenza con il metodo di studio e con gli opportuni strumenti di interpretazione giuridica volti a realizzare una analisi tecnica dei rapporti privatistici con approccio critico e autonomo.

DIDATTICA EROGATIVA

  • 14h di videolezioni registrate fruibili da piattaforma;
  • 6 incontri in modalità sincrona fruibili in piattaforma;
  • Podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.

 

DIDATTICA INTERATTIVA

  • 1 forum di orientamento al corso;
  • 6 forum di approfondimento tematico (1 per modulo);
  • Possibilità di svolgere lavori di (e in) gruppo.
  • 6 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica in itinere).

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli e slide del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

Gli studenti potranno scegliere uno dei seguenti manuali:

  • TORRENTE – P. SCHLESINGER, Manuale di Diritto Privato, Ult. Ed., Giuffrè Francis Lefebvre.
  • PARADISO, Corso di Istituzioni di Diritto Privato, Ult. Ed. Giappichelli Editore.
  • GALGANO, Diritto Privato, Ult. Ed., CEDAM.

 

Indipendentemente dalla scelta compiuta, lo studente dovrà consultare un’edizione aggiornata del codice civile.

L’accesso alla prova finale (esame) è subordinato allo svolgimento delle seguenti 6 e-tivity:

  • Modulo 1: test a scelta multipla di auto-valutazione.
  • Modulo 2: lettura e commento ad un contributo di dottrina.
  • Modulo 3: test a risposta libera.
  • Modulo 4: commento scritto di una sentenza.
  • Modulo 5: caso giurisprudenziale da esaminare ed esporre oralmente e partecipazione singola o a piccoli gruppi durante la lezione in modalità sincrono.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui contenuti del corso e sull’eventuale relazione finale presentata. Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio specialistico.