info@iuline.it / 06 96668278

Accreditata MUR con D.M. 02/12/2005

Igiene generale e applicata

Informazioni

Anno accademico:

Anno accademico:

SSD: MED/42

Crediti: 6 CFU

Scarica il programma

Attualmente Professore Ordinario presso L’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”. Preside della Facoltà di Scienze Motorie (2007-20010) – Presidente CdL Specialistica/Magistrale AMPA (2003-oggi). Responsabile del laboratorio di Epidemiologia e Biotecnologie, Dipartimento Scienze della Salute (2002-oggi).

Ha perfezionato i suoi studi avendo come obiettivo una formazione che permettesse di applicare le recenti acquisizioni nel campo della biologia cellulare e gli strumenti della genetica e biologia molecolare a problematiche di Sanità Pubblica, con particolare attenzione alle prospettive della prevenzione e dell’ambiente. Il Prof. Romano-Spica ha perfezionato i suoi studi lavorando anche in centri di ricerca all’estero, presso: il National Cancer Institute (National Institutes of Health, USA) (1991-1994); l’Istituto Nazionale di Igiene di Budapest, Ungheria (1990); the Scrips Research Institute, La Jolla, San Diego, CA, USA (1995); il Laboratory for Genomic Diversity, National Institutes of Health, Bethesda, MD, USA (1997) ed il TSRI (2005). È componente del nucleo di valutazione della Commissione Europea FP7 e, nel contesto del V Programma Quadro, è stato membro della Commissione per la valutazione dei progetti di ricerca nel settore “Salute e Ambiente”. Membro del Gruppo Nazionale Multicentrico MIUR sulla Legionellosi. Membro del gruppo di lavoro sui rischi derivanti da agenti biologici nei luoghi di lavoro del Comitato Nazionale per la Biosicurezza e Biotecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri (2003). Membro del comitato tecnico-scientifico del Consorzio Caspur per il Supercalcolo e la Ricerca (2004-2007) e del consiglio direttivo (2008oggi). Membro della SItI, Società di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica, all’interno della quale ha assunto incarichi di coordinamento del Collegio Docenti di Igiene presso i CdL in Scienze Motorie (2006-2010) e di vicepresidenza della SItI-Lazio (2009- 2010); Coordinatore del Gruppo di Lavoro SItI GSMS – Scienze Motorie per la Salute (2008-2011). Il Prof. Vincenzo Romano Spica ha partecipato e presentato contributi scientifici a vari simposi e congressi nazionali ed internazionali ed è autore di pubblicazioni, su riviste nazionali ed internazionali.

L’insegnamento è organizzato in 6 moduli:

➢  Modulo 1 – Elementi di igiene ed epidemiologia
Il modulo affronterà le seguenti tematiche: definizione e contenuti dell’Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica; il continuum Salute-Malattia ed i Modello Multifattoriale; malattie Cronico- Degenerative, Malattie Infettive, Morbosità evitabile; metodologia epidemiologica ed elementi di demografia e statistica sanitaria; principali misure in epidemiologia; epidemiologia osservazionale e sperimentale; il concetto di rischio e rischio percepito.

➢  Modulo 2 – Elementi di microbiologia
Il modulo approfondirà i seguenti argomenti: i determinanti di salute e malattia; i fattori di rischio genetico, la classificazione dei fattori di rischio ambientale, I rischi trasversali e comportamentali; la rete dei fattori di rischio nelle malattie multifattoriali; elementi di microbiologia; la classificazione dei microrganismi; cenni di immunologia.

➢  Modulo 3 – Cenni sulle malattie infettive e la prevenzione
Il modulo approfondirà i seguenti argomenti: la storia Naturale delle Malattie Infettive; il triangolo epidemiologico; le modalità di trasmissione delle malattie; le Epatiti; l’Influenza; l’AIDS; la legionellosi; il Tetano; la Malaria; gli indici di progressione delle malattie infettive.

➢  Modulo 4 – La prevenzione
Il quarto modulo avrà invece come focus la prevenzione delle malattie infettive diretta all’ambiente e alla persona, i metodi e tempi della prevenzione, obiettivi e strumenti fondamentali, la prevenzione eziologico-ambientale, patogenetico-clinica, riabilitativo-sociale, le vaccinazioni, gli Screening e l’Educazione sanitaria.

➢  Modulo 5 – Il servizio sanitario nazionale
Il modulo descriverà i servizi sanitari sul territorio con alcuni cenni storici, le Aziende Sanitarie Locali ed i Livelli Essenziali di Assistenza. Inoltre, verranno affrontati i seguenti argomenti: il concetto di salute per fasce d’età, nella scuola e nello sport, il microclima, i viaggi e le trasferte e la comorbidità nell’anziano, la salute in gravidanza, il complesso TORCH, gli screening neonatali ed infine la Promozione della Salute.

➢ Modulo 6 – Elementi di igiene dello sport
Il modulo conterrà: elementi di Igiene dello Sport; riferimenti normativi per la sicurezza e qualità degli impianti sportivi; aspetti di igiene delle piscine e acque di balneazione; patologie quali il piede d’atleta; la verruca plantare; l’orecchio del nuotatore e laCriptosporidiosi. Infine, comprenderà opportunità per approfondimenti sui seguenti temi specifici: l’igiene degli alimenti e della nutrizione; la Carta di Erice e le attività motorie preventive e adattate e gli elementi di promozione della salute.

L’insegnamento si propone di far acquisire le basi fondamentali dell’Igiene e affrontare temi connessi alla prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

Inoltre, il percorso consentirà agli studenti di familiarizzare e conoscere le definizioni e gli elementi essenziali della prevenzione e dell’Igiene applicata allo sport e attività motorie ed acquisire il lessico essenziale.

Al termine lo studente avrà incontrato le definizioni essenziali per sapersi orientare nell’ambito della sicurezza e della salubrità di ambienti per lo sport e attività motorie. È consigliabile, in maniera propedeutica, possedere basi di Anatomia, Fisiologia, Biologia.

A. Conoscenza e comprensione
L’insegnamento mira a far acquisire principalmente le basi fondamentali dell’Igiene e affrontare temi connessi alla prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

B. Conoscenza e capacità di comprensione applicate
Il corso mira a far acquisire una più profonda lettura della realtà dello sport e delle attività ad esso connesse attraverso le tematiche affrontate.

C. Autonomia di giudizio
Al termine lo studente saprà orientarsi nell’ambito della sicurezza e della salubrità di ambienti per lo sport e attività motorie e valutare punti di forza e criticità degli stessi ambienti.

D. Abilità comunicative
Il percorso consentirà agli studenti di familiarizzare e conoscere le definizioni e gli elementi essenziali della prevenzione e dell’Igiene applicata allo sport e attività motorie ed acquisire il lessico essenziale.

E. Capacità di apprendimento
Lo studente sarà in grado di approfondire in maniera autonoma e trovare fonti utili allo studio delle principali questioni trattatenell’insegnamento.

RISULTATI ATTESI

A. Utilizzo di fonti originali e indicazione di libri di testo avanzati, conoscenza di temi d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio, con particolare attenzione al contesto contemporaneo.

B. Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di maggiori competenze nell’ambito di situazioni che richiedono nozioni di prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

C. Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare giudizi autonomi nell’ambito di articoli e ricerche su temi trattati.

D. Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni nella progettazione di interventi in ambito sportivo.

E. Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia, avendo una base generale della materia.

DIDATTICA EROGATIVA

➢ 12 video lezioni.

➢ 2 lezioni in sincrono.

➢ Podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.

 

DIDATTICA INTERATTIVA

➢ 1 forum di orientamento;

➢ 6 forum di approfondimento tematico (1 per ciascun modulo);

➢ 3 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica del profitto in itinere);

➢ 2 incontri interattivi con gli studenti in sincrono (es. question time, ricevimento studenti, revisione compiti individuali, ecc.)

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

➢ Brandi G., Liguori G., Romano Spica V., Igiene e sanità pubblica per

scienze motorie, Delfino Editore

Approfondimenti:

➢ La Carta di Erice; Ann Ig 2015; 27: 406-414 doi: 10.7416/ai.2015.2018

http://www.seuroma.it/riviste/annali_igiene/apps/autos.php?id=971

➢ Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome

di Trento e di Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la

costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso

natatorio. (GU Serie Generale n.51 del 03-03-2003)

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2003/03/03/03A02358/sg

L’accesso alla prova finale è subordinato allo svolgimento delle e-tivity che verranno comunicate nel semestre di riferimento dal docente e dal tutor disciplinare.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui contenuti del corso (almeno tre). Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio specialistico.

Colloquio orale.