info@iuline.it / 055 0380900

Accreditata MUR con D.M. 02/12/2005
  • it

Innovazione educativa e apprendimento permanente nella formazione degli adulti in contesti nazionali e internazionali, classe LM-57

Etiche per la società complessa

Informazioni

Anno accademico: 2023/2024

Periodo: I ANNO; II SEMESTRE

SSD: M-Fil/03

Crediti: 6 CFU

Scarica il programma

Emilio Maria De Tommaso è ricercatore a tempo determinato (RTDA)
in Filosofia morale (M-FIL/03) presso l’Università Telematica degli Studi IUL. Si occupa di filosofia morale e storia della filosofia in età moderna (dal Rinascimento all’Illuminismo), con particolare attenzione verso gli ambienti leibniziani e lockiani. Da anni lavora a possibili strategie di integrazione delle narrazioni canoniche della storia della filosofia, che
includano i contributi dei cosiddetti minori e delle filosofe. È autore di numerosi articoli e saggi scientifici. Tra i suoi lavori, le
monografie: Controversie Intellettuali. Leibniz e Bayle (1686-1706) (Rubbettino, 2006); De summa rerum. Viaggio attraverso le esplorazioni metafisiche del giovane Leibniz (Aracne, 2013); Catharine Trotter
Cockburn. Filosofia morale, religione, metafisica (Rubbettino, 2018); (con Sandra Plastina) Corpo Mente. Il dualismo e le filosofe di età
moderna (Società per l’enciclopedia delle donne, 2022). Insieme a Giuliana Mocchi ha tradotto la Difesa del saggio sull’intelletto umano
del sig. Locke di Cockburn (Agorà, 2016). Ha curato, con Sandra Plastina, un Supplemento di Bruniana & Campanelliana dedicato al tema monografico Filosofe e scienziate in età moderna (Fabrizio Serra, 2019).
Per ulteriori dettagli su esperienze professionali e un elenco completo delle pubblicazioni si consulti il profilo ORCID: https://orcid.org/0000- 0003-1865-6924.

L’insegnamento intende analizzare alcuni concetti chiave dell’etica,
quali valori morali, principi, obblighi, motivazioni, buon senso, coscienza
e senso morale, ricostruendone la genesi all’interno dei dibattiti di età
moderna, in particolare tra ‘600 e ‘700.
Il corso si articola in 2 moduli:
➢ Modulo 1 – Morale provvisoria e origine dei principi pratici
▪ Descartes: dualismo e buon senso.
▪ Innatismo, morale provvisoria, anti-innatismo.
▪ Locke: morale empirista.
➢ Modulo 2 – Senso morale, universalità e inclusività
▪ Cockburn: per una narrazione più inclusiva.
▪ Ragione e socialità: “i veri fondamenti della morale”.
▪ Moral sense e etica universale.

The course analyses some key ethical notions, including moral values,
principles, obligations, motivations, common sense, conscience, and
moral sense. It aims to trace their development within the debates of
the modern era, especially between the 17th and 18th centuries. The
specific focus on the ideas of Descartes, Locke, and Cockburn is intended
to prompt students to reflect on individual and social behaviours, as
well as to consider the influence of lingering gender biases in Western
culture.

Il corso persegue l’obiettivo principale di incoraggiare gli studenti alla
riflessione critica sui fondamenti dell’agire morale. Il confronto con
eminenti pensatori del passato risponde ad un duplice intento
programmatico: 1) offrire strumenti concettuali, storici e psicologici che
favoriscano l’analisi dei comportamenti individuali e sociali,
valorizzando il confronto e il dialogo fra soggetti e fra culture (modulo
1); 2) mostrare la persistenza di alcune questioni problematiche, che
ancora oggi risultano di attualità scottante, come il pregiudizio di
genere, al fine di individuare possibili strategie di superamento delle
stesse (modulo 2).

A. Conoscenza e comprensione
Acquisire conoscenza dei temi trattati, capacità di lettura,
comprensione e analisi di testi filosofici: Descartes, Locke (modulo
1) e Cockburn (modulo 2)

B. Conoscenza e capacità di comprensione applicate
Sviluppare la capacità di adoperare le conoscenze acquisite in vista
di una ricalibratura di concetti spesso aleatori, come ‘coscienza’,
‘senso morale’ e ‘buon senso’ (modulo 1), e di una riflessione critica
su disparità di genere e inclusività anche rispetto alla complessità
della società attuale (modulo 2)
C. Autonomia di giudizio
La lettura, il commento e l’eventuale discussione dei testi proposti
permetteranno agli studenti di maturare un giudizio autonomo sui
temi di studio e una riflessione critica sulla loro applicabilità.
D. Abilità comunicative
Capacità di esposizione orale e di redazione di un breve testo scritto
su temi congruenti con quelli trattati nel corso.
E. Capacità di apprendimento
Sviluppo e applicazione di un metodo di studio, assimilazione dei
contenuti, capacità di astrazione e rielaborazione degli stessi.

RISULTATI ATTESI
A. Utilizzo di libri di testo avanzati, conoscenza di alcuni temi
d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio.
Gli studenti saranno guidati nella lettura di testi filosofici, nella loro
comprensione e analisi (Modulo 1) e saranno stimolati
all’approfondimenti di temi di urgente attualità, come l’inclusività
(Modulo 2).
B. Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di
competenze adeguate per concepire argomentazioni, sostenerle e
per risolvere problemi nell’ambito della materia oggetto di studio.
Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare
giudizi autonomia.
La riflessione su natura e origine dei fondamenti della morale mira
a disinnescare approcci autoreferenziali e a favorire rispetto e
flessibilità, caratteristiche indispensabili per chi opera in ambito
pedagogico (Modulo1). Il lavoro su una filosofa poco conosciuta,
come Catharine Cockburn, intende stimolare gli studenti a rintracciare prospettive alternative e a ragionare fuori dagli schemi
consolidati (Modulo 2).
C. Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni ad
interlocutori specialisti e non specialisti.
Gli studenti saranno accompagnati a interiorizzare i temi del corso
e il lessico non equivoco della filosofia, al fine di poterne discutere
in modo autonomo e originale, calibrando il linguaggio a seconda
degli interlocutori.
D. Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di
autonomia.
Capacità di intraprendere autonomamente una ricerca su temi
coerenti con quelli del corso, partendo dall’elaborazione di una
bibliografia di base.

DIDATTICA EROGATIVA
➢ 6h di videolezioni registrate fruibili nell’ambiente eLearning;
➢ 2 web-lessons di 1h ciascuna in sincrono con il docente fruibili
nell’ambiente eLearning;
➢ podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.
DIDATTICA INTERATTIVA
➢ 1 forum di orientamento al corso;
➢ 6 post di approfondimento tematico in 2 forum disciplinari;
➢ 2 web conference di 1h ciascuna in sincrono con il tutor
disciplinare fruibili nell’ambiente eLearning;
➢ un test a scelta multipla di 20 domande sui contenuti complessivi
del corso;
➢ 2 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica in
itinere).
AUTOAPPRENDIMENTO
Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti
tematici, articoli e slide del docente, letture open access, risorse in rete,
bibliografia di riferimento, ecc.

  • R. Cartesio, Discorso sul metodo, a cura di Lucia Urbani Ulivi,
    Milano, Bompiani, 2022 (parti 1, 2 e 3)
  • J. Locke, Saggio sull’intelletto umano, a cura di Vincenzo Cicero e
    Maria Grazia D’Amico, Milano, Bompiani, 2012 (Libro I, capp. 1 e 3)
  • C. Trotter Cockburn, Difesa del Saggio sull’intelletto umano del sig.
    Locke, a cura di Emilio M. De Tommaso e Giuliana Mocchi, Lugano,
    Agorà, 2016

L’accesso alla prova finale (esame) è subordinato allo svolgimento
delle seguenti 2 e-tivity:
➢ e-tivity 1: elaborato di approfondimento individuale (max 1500
parole) sui temi del modulo 1;
➢ e-tivity 2: elaborato di approfondimento individuale (max 1500
parole) sui temi del modulo 2.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui
contenuti del corso e sull’eventuale relazione finale presentata. Il voto
(min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della
prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione
orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei
riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio
specialistico.