info@iuline.it / 055 0380900

Accreditata MUR con D.M. 02/12/2005
  • it

Scienze psicologiche delle risorse umane, delle organizzazioni e delle imprese, classe L-24

Didattica e inclusione

Informazioni

Anno accademico: 2023/2024

Periodo: III ANNO; II SEMESTRE

SSD: M-PED/03

Crediti: 6 CFU

Scarica il programma

Tommaso Fratini è ricercatore in Metodi e didattiche delle attività sportive (M-EDF/02) presso l’Università Telematica degli Studi IUL. Psicologo e dottore di ricerca in Psicologia all’Università di Bologna, è stato inoltre assegnista di ricerca in Didattica e Pedagogia speciale presso l’Università di Firenze. Ha conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale alla seconda fascia dei professori universitari nel macro- settore disciplinare della Didattica, Pedagogia speciale e Ricerca educativa (11/D2). Si occupa di temi di ricerca legati allo sport, in particolare alla preparazione mentale degli atleti, ma anche di disabilità, marginalità e inclusione sociale.

Il contenuto generale dell’insegnamento concerne le basi della pedagogia dell’inclusione e della didattica orientativa, in modo particolare riferite a soggetti in condizioni di disabilità e di marginalità.

 

L’insegnamento è organizzato In 2 Moduli.

  • Modulo 1 – Pedagogia dell’inclusione, della disabilità e della marginalità

L‘argomento del primo modulo verte sulla messa a fuoco dei fondamenti di pedagogia dell’inclusione, della disabilità, della marginalità e della relazione di aiuto.

In particolare saranno affrontati i seguenti argomenti:

  • Disabilità e inclusione: aspetti
  • Ritardo mentali: aspetti teorici e
  • Autismo: riferimenti storici e principali teorie.
  • Autismo: aspetti didattici e
  • Dislessia: aspetti clinici e
  • Relazione di aiuto: aspetti

 

In aggiunta agli argomenti affrontati nelle videolezioni verrà offerto agli studenti un forum di approfondimento sulla seguente tematica: il concetto di inclusione in pedagogia speciale e dinamica della relazione di aiuto nella marginalità

2 Webinar con il docente di riflessione e revisione sui temi trattati. 2 Webinar con il Tutor di ulteriore riepilogo e approfondimento degli argomenti affrontati.

1 Etivity consistente nella presentazione di un breve caso clinico di

una persona disabile con elementi di un progetto d’inclusione.

 

  • Modulo 2 – Didattica orientativa e difficoltà di apprendimento

L’argomento del secondo modulo è composito: da un lato sarà affrontato il tema dell’orientamento e della didattica orientativa; dall’altro saranno affrontati temi inerenti alle difficoltà di apprendimento su base affettiva, legate cioè all’ansia e alla depressione, alla marginalità, al bullismo e al disagio scolastico.

In particolare saranno affrontati i seguenti argomenti:

  • La questione della scelta e l’orientamento
  • Cenni di didattica
  • Orientamento in condizioni di marginalità.
  • Le difficoltà di apprendimento su base affettiva, legate all’ansia e alla depressione.
  • Disagio scolastico: aspetti
  • Bullismo: bullismo aspetti

In aggiunta agli argomenti affrontati nelle videolezioni verrà offerto agli studenti un forum di approfondimento sulla seguente tematica: “la questione della scelta nell’orientamento formativo, le difficoltà di apprendimento su base affettiva, il disagio scolastico e il bullismo: quali implicazioni per il lavoro pedagogico e psicologico di cura?”

2 Webinar con il docente di riflessione e revisione sui temi trattati. 2 Webinar con il Tutor di ulteriore riepilogo e approfondimento degli argomenti affrontati.

1 Etivity consistente nell’approfondimento di uno dei temi del modulo con considerazioni personali, riferite alla propria esperienza o a un caso clinico.

The aim of the course is to transmit knowledge and develop pedagogical and didactic skills to carry out a personal project inclusive of life and career, in particular referring to disabled and marginalized people.

L’obiettivo generale del corso è quello di fornire allo studente le basi teoriche e applicative di conoscenza e di comprensione della pedagogia dell’inclusione e della marginalità e della didattica orientativa.

 Obiettivo: conoscenza e comprensione – area generale Modulo 1
L’obiettivo del primo modulo è di impartire conoscenze per la comprensione delle basi teoriche e cliniche per quanto concerne l’inclusione e l’integrazione sociale di persone disabili, con particolare riferimento all’autismo e al deficit cognitivo. Ci si propone inoltre di fornire degli elementi di pedagogia della marginalità.
Modulo 2
L’obiettivo del secondo modulo è di fornire delle conoscenze di base per la comprensione del significato dell’orientamento e della didattica orientativa, nonché conoscenze aggiuntive relative alle difficoltà di apprendimento, al bullismo e al disagio sociale e scolastico.

 Obiettivo: applicare conoscenza e comprensione – area generale Modulo 1
Il materiale didattico proposto ha l’obiettivo di portare lo studente alla conoscenza di lettura, comprensione e analisi di un progetto d’inclusione nell’ambito della disabilità e della marginalità.
Modulo 2
Il materiale didattico proposto ha l’obiettivo di portare lo studente alla conoscenza di lettura, comprensione e analisi di un progetto di orientamento didattico e di un caso clinico di difficoltà di apprendimento.

 Obiettivo: conoscenza e comprensione – area specifica Modulo 1
L’obiettivo del primo modulo è quello di consentire la padronanza da parte dello studente del concetto d’inclusione nella disabilità e
delle basi di comprensione del deficit cognitivo dell’autismo. Ci si propone inoltre di fornire elementi di conoscenza pedagogica sulla relazione di aiuto.
Modulo 2
L’obiettivo del secondo modulo è quello di fornire allo studente le basi di conoscenza dell’orientamento formativo e delle difficoltà di apprendimento legate all’ansia e alla depressione.

 Obiettivo: applicare conoscenza e comprensione – area specifica Modulo 1
L’obiettivo del primo modulo è quello di consentire allo studente di potere leggere e potenzialmente di mettere a punto, sia pure in modo limitato, un progetto d’inclusione nella disabilità.
Modulo 2
L’obiettivo del secondo modulo è quello di consentire allo studente di potere leggere e potenzialmente di mettere a punto, sia pure in modo limitato, un progetto di orientamento formativo. Ci si propone inoltre di affinare la conoscenza delle difficoltà di apprendimento, legate all’ansia e alla depressione, con la possibilità di misurarsi con casi concreti.

A. Conoscenza e comprensione
Per il primo modulo: conoscenza e comprensione di contenuti di base della pedagogia dell’inclusione e della disabilità, con elementi di pedagogia della relazione di aiuto.
Per il secondo modulo: conoscenza e comprensione di elementi di base della didattica orientativa e riferiti alle difficoltà di apprendimento, alla marginalità, al disagio scolastico e al bullismo.

B. Conoscenza e capacità di comprensione applicate
Per il primo modulo: capacità di acquisire competenze pratiche e cliniche sulla comprensione di un progetto d’inclusione nella disabilità e sulla relazione di aiuto.
Per il secondo modulo: capacità di acquisire competenze pratiche e cliniche sull’orientamento, la didattica orientativa e la messa a punto di un progetto d’intervento riferito all’ambito lavorativo, con elementi riferiti alle difficoltà di apprendimento, alla marginalità, al bullismo e al disagio scolastico.

C. Autonomia di giudizio

Un obiettivo ulteriore è di accrescere l’autonomia di valutazione nell’ambito della lettura di progetti di inclusione, orientamento e intervento nella disabilità e nella marginalità.

D. Abilità comunicative
Il corso mira a fornire elementi per migliorare le abilità di comunicazione, anche in rapporto all’ambito della relazione di aiuto con persone disabili, in particolare con autismo e deficit cognitivo lieve.

E. Capacità di apprendimento
Un obiettivo del corso è quello di contribuire a dirigere sé stessi nel proprio apprendimento culturale e/o professionale, al fine di realizzare un progetto personale di vita e di carriera lavorativa.
Un obiettivo ulteriore del corso è di supportare lo studente nelle proprie potenzialità di apprendimento autonomo nell’ambito della conoscenza dei processi d’inclusione e integrazione delle persone disabili e provenienti da contesti di marginalità.

A. Sviluppare competenze per favorire la conoscenza e comprensione dei processi inclusivi nella disabilità (per il supporto degli studenti in relazione alle abilità sociali, di apprendimento e di presa di decisione nella disabilità, nonché per lo sviluppo di un percorso personale consapevole della persona disabile).

B. Utilizzo di libri di testo avanzati e conoscenza di alcuni temi d’avanguardia nell’ambito della pedagogia speciale dell’inclusione e della didattica orientativa.

C. Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di competenze adeguate per concepire argomentazioni e sostenerle, e per risolvere problemi nell’ambito dell’inclusione. Sviluppo di capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare condizioni di autonomia nella disabilità.

D. Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni ad interlocutori specialisti e non specialisti.

E. Capacità di intraprendere studi e ricerche sul campo con un alto grado di autonomia.

F. Capacità di progettare contesti e strumenti d’intervento nell’ambito
della disabilità e marginalità.

DIDATTICA EROGATIVA

  • 6h di videolezioni registrate fruibili nell’ambiente eLearning;
  • 2 web lessons in modalità sincrona di 1h ciascuna fruibili

nell’ambiente eLearning;

  • podcast di tutte le video lezioni

 

DIDATTICA INTERATTIVA

  • 1 forum di orientamento al corso;
  • 6 post di approfondimento tematico nei 2 forum disciplinari;
  • 6 web conference in modalità sincrona di 1h ciascuna fruibili

nell’ambiente eLearning sui seguenti temi:

  • “Pedagogia e didattica inclusiva”;
  • “L’inclusione nel deficit cognitivo e nell’autismo”;
  • “Le basi affettive della relazione di aiuto nella disabilità”;
  • “La didattica orientativa nella disabilità”;
  • “Le difficolta di apprendimento su base affettiva legate

all’ansia e alla depressione”;

  • “Bullismo e disagio scolastico”.
  • 2 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica in itinere).

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli e slide del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

Testi consigliati

  • D’Alonzo L. (a cura di), Dizionario di pedagogia speciale, Scholé, Brescia, Le parti del testo in programma verranno specificate all’inizio del corso.

 

Testi di consultazione e di approfondimento

  • Schön D.A., Il professionista riflessivo, Roma. Dedalo, 1993
  • Amatori (2020), Disability management e pedagogia speciale, Pensa MultiMedia, Lecce-Brescia.
  • Cottini (2017), Didattica speciale e inclusione scolastica, Carocci, Roma.

 

Ulteriori materiali di studio saranno indicati e forniti all’inizio del corso in rapporto alle esigenze diversificate degli studenti nei vari percorsi formativi.

L’accesso alla prova finale (esame) è subordinato allo svolgimento delle seguenti 2 e-tivity:

  • Etivity 1 – Stesura di un caso clinico con elementi di un piccolo progetto d’intervento d’inclusione sociale di un soggetto con disabilità, particolarmente con autismo o disabilità intellettiva. Il lavoro sarà valutato in modo globale e qualitativo in base alla conoscenza e padronanza clinica dimostrata.
  • Etivity 2 – Stesura di un caso clinico con elementi di un piccolo progetto d’intervento che miri a promuovere la progettualità personale, nonché l’assunzione di decisioni e di scelta attraverso l’educazione inclusiva e la didattica orientativa, riferito a una persona disabile o in condizioni di marginalità, inclusi soggetti con problemi di apprendimento o vittime di bullismo. Il lavoro sarà valutato in modo globale e qualitativo in base alla conoscenza e padronanza clinica dimostrata.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui contenuti del corso e sull’eventuale relazione finale presentata. Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio specialistico.