info@iuline.it / 06 96668278

Accreditata MUR con D.M. 02/12/2005
  • it

Abilità informatiche e telematiche (laboratorio di informatica) a.a. 2018/2019

Corso di Studio in

INNOVAZIONE EDUCATIVA E APPRENDIMENTO PERMANENTE

a.a. 2018/2019

 

INSEGNAMENTO:

ABILITÀ INFORMATICHE E TELEMATICHE  

CFU 6

II ANNO; II SEMESTRE

Docente: Prof. Luca Piergiovanni (scarica CV)

Scarica la scheda dell’insegnamento (PDF)

Qualifica e curriculum scientifico del docente

 

 

Insegnante di Lettere ed esperto di Tecnologie dell’apprendimento. Collaboro con importanti enti universitari e centri di ricerca per la formazione degli insegnanti all’uso tecnico-didattico di strumenti e ambienti   del   Web,   dei   Social   Network   e   dei   dispositivi   mobili. Ho ideato e svolto numerosi corsi di formazione in presenza e online per docenti di ruolo e per neoassunti.

Ho coordinato progetti di didattica digitale che hanno coinvolto una rete di oltre 100 scuole, con Istituzioni, amministrazioni comunali, Associazioni e Fondazioni.

Tutte queste attività sono state considerate buona pratica scolastica dal Ministero dell’Istruzione italiano e sono state oggetto di studio di molti enti che si occupano di media education. Ne hanno parlato network sia nazionali che internazionali e  hanno ricevuto prestigiosi premi, tra  i quali  la  Medaglia  del  Presidente  della  Repubblica  e  riconoscimenti all’ambasciata italiana di Washington e ai Medea Awards di Bruxelles.

Mio Curriculum: https://it.linkedin.com/in/lucapiergiovanni

 

Articolazione dei contenuti e suddivisione in moduli didattici del programma

 

 

L’insegnamento prevede due fasi di lavoro corrispondenti ai 2 moduli in cui è organizzato.

 

MODULO 1 – Ambienti di apprendimento, con la tecnologia e la Rete Esistono oggi  giorno  soluzioni di  arredo  per  le  nostre  aule  (school design),               che possono agevolare l’apprendimento e la vera implementazione delle nuove tecnologie e della Rete: il rapporto tra lo spazio-classe e l’organizzazione e la tempistica delle attività, nonché la scelta di metodologie didattiche, è un rapporto molto stretto e tutti questi elementi vanno ad influenzarsi a vicenda.

Allo stesso tempo, l’aula fisica si apre al mondo grazie ad ambienti online di facile utilizzo. Dei veri e propri luoghi di apprendimento e di condivisione e di interazione con i propri studenti, ma anche con la community di insegnanti di tutto il mondo.

In pochi passi è possibile strutturare una classe virtuale e gestirla con semplicità, anche senza essere esperti di codice HTML.

Un ambiente online condiviso facilita la relazione insegnante/discente, l’assegnazione di compiti, la strutturazione di lezioni multicanali, la valutazione globale dello studente.

Con questo modulo, l’insegnante potrà esplorare gli aspetti positivi, ma anche  le  criticità  delle  cosiddette aule-laboratorio, aule  aumentate dalla tecnologia, classi scomposte; così come potrà analizzare gli ambienti online, confrontando le funzionalità dei più utilizzati spazi di Rete a livello educational, come ad esempio Blendspace, EDpuzzle, Symbaloo,  e  così  via.  Il  tutto  allo  scopo  di  poter  poi  scegliere l’ambiente migliore, sulla base delle proprie necessità e di quelle dei propri ragazzi.

 

MODULO 2 – Social Networks nella professione insegnante

La seconda fase prevede l’approfondimento delle seguenti tematiche: i Social Networks sono oggi frequentati da milioni di utenti, ma è di fondamentale importanza saperne fare un uso critico e positivo.

I social sono uno strumento molto utile all’insegnante e al professionista in genere. Ogni giorno è possibile scambiare idee e progetti con colleghi di tutto il mondo; fare marketing rapido, efficace e misurabile; fornire opinioni politiche o diffondere notizie (il cosiddetto “giornalismo partecipativo”); cercare lavoro e offrirlo; condividere risorse  online,  articoli,  guide; essere  sempre  in  contatto  con  i  più grandi educatori al mondo e costruirsi un corso di aggiornamento su misura.

Sono tanti i gruppi di insegnanti nati su Facebook, le liste di utenti che è possibile seguire tramite Twitter, la rete di professionisti in LinkedIn, le pillole di cultura diffuse attraverso Snapchat o Stories di Instagram.

E la scuola ha bisogno più che mai di un insegnante-social: un comunicatore e motivatore, pronto ad informarsi e aggiornarsi costantemente tramite la Rete, capace di produrre contenuti digitali e disposto a condividerli nei Social.

 

Obiettivi formativi

 

L’insegnamento di “Abilità informatiche e telematiche” ha l’obiettivo di rendere autonomi e critici i professionisti nell’utilizzo dei Social Networks sia in campo lavorativo che in contesti educativi.

Lo stesso insegnamento, ha altresì l’obiettivo di fornire ai professionisti tutti gli strumenti utili a strutture ambienti fisici, ma anche virtuali, per un apprendimento efficace e coinvolgente.

 

Risultati d’apprendimento previsti

 

A.      Conoscenza e comprensione

Esplorare le aule del XXI secolo, con le soluzioni di arredo adottate da numerose scuole nel mondo; Riconoscere i più diffusi ambienti online per la didattica; Riconoscere le differenze tra Social Networks e Social Media; Identificare gruppi informali e gruppi formali, comunità di pratica e comunità tematiche per un uso professionale dei Social.

 

B.      Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Saper contestualizzare i requisiti necessari per riprogettare l’apprendimento con strumenti e ambienti di Rete e, in particolare, con arredi innovativi e piattaforme online; Applicare l’utilizzo dei suddetti ambienti nell’attività curricolare, per creare ambienti utili per lo scambio e l’interazione con i propri studenti; Utilizzare Twitter, sia nelle sue funzionalità  tecniche  che  nella  simbologia  e dinamiche comunicative;   Applicare i principi di Netiquette   della   Rete.

C.      Autonomia di giudizio

Saper  distinguere,  secondo  la  metodologia  adottata,  il  gruppo- classe e altre variabili, la piattaforma online più idonea per lavorare anche da casa e il Social più efficiente.

D.      Abilità comunicative

Conoscere  le  dinamiche  comunicative  di  alcuni  LSM  e  di  alcuni Social Networks.

 

E.       Capacità di apprendimento

Saper organizzare l’apprendimento in un ambiente online, mediante azioni di tutoring, coaching e counseling; Saper adattare alla vita in Rete la Digital Social Content Curation, mediante i Social Bookmarking.

 

Competenze da acquisire

 

RISULTATI ATTESI

Utilizzo di libri di testo avanzati, conoscenza di alcuni temi  d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio.

 

Conoscere esempi nel mondo di architetture e arredi più funzionali all’apprendimento e riuscire, con aggiustamenti del caso, a ipotizzarne una implementazione nelle proprie scuole; Conoscere modelli e casi di studio in cui determinate piattaforme online sono state utilizzate con successo nello studio e nella formazione, per poi replicarne gli aspetti positivi nella propria realtà;

Saper   replicare   esperienze  didattiche  con   l’utilizzo   dei   Social

Network.

 

A.      Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di competenze adeguate per concepire argomentazioni, sostenerle e per risolvere problemi nell’ambito della materia oggetto di studio

Utilizzare  quotidianamente piattaforme online  e  Social  Network.

B.      Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare giudizi autonomi.

Saper comparare i più diffusi LSM per la creazione di classi online per poter scegliere quello più idoneo alle esigenze dei propri studenti; Saper scegliere quei Social Network che meglio si adattano al proprio profilo professionale   e  bisogni  comunicativi.

C.      Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni ad interlocutori specialisti e non specialisti.

Padroneggiare gli argomenti trattati così da poterli trasmettere ai colleghi, in un’ottica di formazione “a cascata”.

 

D.      Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia.
Riuscire a valutare e classificare nuovi ambienti online ancora in fase beta; Saper gestire in autonomia, oltre al Social preso in esame nel corso (Twitter), altri social per la propria crescita professionale.

Organizzazione della didattica

 

DIDATTICA EROGATIVA

  •   1 video lezioni di presentazione del corso;
  •  4 webinar in sincrono;
  •  Podcast di tutti e 4 i webinar svolti.

 

DIDATTICA INTERATTIVA

  •    1 forum di orientamento;
  •    2 forum di approfondimento tematico;
  •    2 e-tivity strutturate.

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Oltre ai testi consigliati per ciascun modulo sono previsti materiali didattici che saranno presentazioni in formato pdf, con articoli del docente, letture open access, link a risorse in rete e sito-bibliografia di riferimento.

Testi consigliati  

MODULO 1

 

Testi consigliati

–      Biondi G., Borri S., Tosi L. (2016),  Dall’aula all’ambiente di apprendimento  , Altralinea Ed.

–      Piano Nazionale Scuola Digitale in cui sono presentati svariati

ambienti di apprendimento con la tecnologia.

–       L’aula  del  XXI  secolo  come  ambiente  di  apprendimento

–      La scuola senza classi: 5 soluzioni adottate in Europa

 

Testi facoltativi

–      La classe scomposta

–      Le  palestre dell’innovazione

–      Gallery del MIUR che presenta una  raccolta di ambienti didattici innovativi

–      Indire : Architetture scolastiche

–      Avanguardie Educative :  Aule laboratorio disciplinari

–      Future Classroom Lab di European schoolnet

–      Tilden High school

–      Vittra International school

–      Future Classroom – Portogallo

–      Ørestad Gymnasium København – Danimarca

–      Scuola Primaria Katajanokka – Finlandia

–      UBIKO Università di Oulu – Finlandia

 

MODULO 2

 

Testi consigliati

–      M. Ranieri e S. Manca (2013),  I social network nell’educazione. Basi teoriche, modelli applicativi e linee guida, Ed. Erickson.

 

Testi facoltativi

–      Fini A. e Cicognini M. E. (2009),  Web 2.0 e social networking. Nuovi paradigmi per la formazione, Ed. Erickson.

–      D. Boyd (2014), It‘s complicated. La vita sociale degli adolescenti sul web, Ed. Castelvecchi.

–      I nuovi Curricoli digitali  all’interno dei quali è previsto un percorso specifico per le scuole dedicato ai Social Media.

–      Serie di articoli e di saggi dedicati al mondo dei Social a scuola e

nella professione docente.

–      5 buone ragioni per utilizzare i Social Networks a scuola, di Tanya

Roscorla.

–      Insegnanti e tecnologie: l’aggiornamento docenti si fa social.

Modalità di verifica in itinere  

L’accesso alla prova finale è propedeutico allo svolgimento delle seguenti 2 e-tivity.

 

Per ciascun modulo lo studente dovrà:

Ø  costruire un percorso di studio con uno degli ambienti online presentati con l’utilizzo di Blendspace, EDpuzzle e altri strumenti educational;

Ø  fare   ricerca   scientifica   con   i   Social   Networks   con l’utilizzo di Twitter.

Modalità di svolgimento dell’esame finale  

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso un colloquio orale in presenza sui contenuti del corso, riprendendo almeno tre dei temi disciplinari di pertinenza.

Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio specialistico.

 

Lingua d’insegnamento Italiano