IGIENE GENERALE E APPLICATA a.a. 2018/2019

Corso di Laurea in

“SCIENZE MOTORIE, PRATICA E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE

[Classe L-22]

a.a. 2018/2019

 

Insegnamento:

IGIENE GENERALE E APPLICATA

SSD: MED/42; CFU: 6

II ANNO; II SEMESTRE

Docente: Prof. Vincenzo Romano Spica 

Tutor disciplinare: Dott.ssa Federica Valeriani

 

Scarica la scheda dell’insegnamento (PDF)

 

Qualifica e curriculum scientifico del docente

 

Attualmente Professore Ordinario presso L’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”.

Preside della Facoltà di Scienze Motorie (2007-20010) – Presidente CdL Specialistica/Magistrale AMPA (2003-oggi).

Responsabile del laboratorio di Epidemiologia e Biotecnologie, Dipartimento Scienze della Salute (2002-oggi).

Ha perfezionato i suoi studi avendo come obiettivo una formazione che permettesse di applicare le recenti acquisizioni nel campo della biologia cellulare e gli strumenti della genetica e biologia molecolare a problematiche di Sanità Pubblica, con particolare attenzione alle prospettive della prevenzione e dell’ambiente.

Il Prof. Romano-Spica ha perfezionato i suoi studi lavorando anche in centri di ricerca all’estero, presso: il National Cancer Institute (National Institutes of Health, USA) (1991-1994); l’Istituto Nazionale di Igiene di Budapest, Ungheria (1990); the Scrips Research Institute, La Jolla, San Diego, CA, USA (1995); il Laboratory for Genomic Diversity, National Institutes of Health, Bethesda, MD, USA (1997) ed il TSRI (2005).

È componente del nucleo di valutazione della Commissione Europea FP7 e, nel contesto del V Programma Quadro, è stato membro della Commissione per la valutazione dei progetti di ricerca nel settore “Salute e Ambiente”.

Membro del Gruppo Nazionale Multicentrico MIUR sulla Legionellosi. Membro del gruppo di lavoro sui rischi derivanti da agenti biologici nei luoghi di lavoro del Comitato Nazionale per la Biosicurezza e Biotecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri (2003). Membro del comitato tecnico-scientifico del Consorzio Caspur per il Supercalcolo e la Ricerca (2004-2007) e del consiglio direttivo (2008-oggi). Membro della SItI, Società di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica, all’interno della quale ha assunto incarichi di coordinamento del Collegio Docenti di Igiene presso i CdL in Scienze Motorie (2006-2010) e di vicepresidenza della SItI-Lazio (2009-2010); Coordinatore del Gruppo di Lavoro SItI GSMS – Scienze Motorie per la Salute (2008-2011).

Il Prof. Vincenzo Romano Spica ha partecipato e presentato contributi scientifici a vari simposi e congressi nazionali ed internazionali ed è autore di pubblicazioni, su riviste nazionali ed internazionali.

Articolazione dei contenuti e suddivisione in moduli didattici del programma

 

L’insegnamento è organizzato in 5 moduli:

Modulo 1 – Elementi di igiene ed epidemiologia

Il modulo affronterà le seguenti tematiche: definizione e contenuti dell’Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica; il continuum Salute-Malattia ed i Modello Multifattoriale; malattie Cronico-Degenerative, Malattie Infettive, Morbosità evitabile; metodologia epidemiologica ed elementi di demografia e statistica sanitaria; principali misure in epidemiologia; epidemiologia osservazionale e sperimentale; il concetto di rischio e rischio percepito.

 

Modulo 2 – Elementi di microbiologia

Il modulo approfondirà i seguenti argomenti: i determinanti di salute e malattia; i fattori di rischio genetico, la classificazione dei fattori di rischio ambientale, I rischi trasversali e comportamentali; la rete dei fattori di rischio nelle malattie multifattoriali; elementi di microbiologia; la classificazione dei microrganismi; cenni di immunologia.

 

Modulo 3 – Cenni sulle malattie infettive e la prevenzione

Il modulo approfondirà i seguenti argomenti: la storia Naturale delle Malattie Infettive; il triangolo epidemiologico; le modalità di trasmissione delle malattie; le Epatiti; l’Influenza; l’AIDS; la legionellosi; il Tetano; la Malaria; gli indici di progressione delle malattie infettive.

 

Modulo 4 – La prevenzione

Il quarto modulo avrà invece come focus la prevenzione delle malattie infettive diretta all’ambiente e alla persona, i metodi e tempi della prevenzione, obiettivi e strumenti fondamentali, la prevenzione eziologico-ambientale, patogenetico-clinica, riabilitativo-sociale, le vaccinazioni, gli Screening e l’Educazione sanitaria.

 

Modulo 5 – Il servizio sanitario nazionale

Il modulo descriverà i servizi sanitari sul territorio con alcuni cenni storici, le Aziende Sanitarie Locali ed i Livelli Essenziali di Assistenza.
Inoltre verranno affrontati i seguenti argomenti: il concetto di salute per fasce d’età, nella scuola e nello sport, il microclima, i viaggi e le trasferte e la comorbidità nell’anziano, la salute in gravidanza, il complesso TORCH, gli screening neonatali ed infine la Promozione della Salute.

 

Ø  Modulo 6 – Elementi di igiene dello sport

L’ultimo modulo descriverà: gli elementi di Igiene dello Sport; i riferimenti normativi per la sicurezza e qualità degli impianti sportivi; l’igiene delle piscine e acque di balneazione; il piede d’atleta; la verruca plantare; l’orecchio del nuotatore e la Criptosporidiosi.

Infine, approfondirà i seguenti temi: l’igiene degli alimenti e della nutrizione; la Carta di Erice e le attività motorie preventive e adattate e gli elementi di promozione della salute.

Obiettivi formativi L’insegnamento si propone di far acquisire le basi fondamentali dell’Igiene e affrontare temi connessi alla prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

Inoltre, il percorso consentirà agli studenti di familiarizzare e conoscere le definizioni e gli elementi essenziali della prevenzione e dell’Igiene applicata allo sport e attività motorie ed acquisire il lessico essenziale. Al termine lo studente avrà incontrato le definizioni fondamentali per sapersi orientare nell’ambito della sicurezza e della salubrità di ambienti per lo sport e attività motorie.

È consigliabile, in maniera propedeutica, possedere alcune basi di Anatomia, Fisiologia e Biologia.

Risultati d’apprendimento previsti A.      Conoscenza e comprensione

L’insegnamento mira a far acquisire principalmente le basi fondamentali dell’Igiene e affrontare temi connessi alla prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

 

B.      Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Il corso mira a far acquisire una più profonda lettura della realtà dello sport e delle attività ad esso connesse attraverso le tematiche affrontate.

 

C.      Autonomia di giudizio

Al termine lo studente saprà orientarsi nell’ambito della sicurezza e della salubrità di ambienti per lo sport e attività motorie e valutare punti di forza e criticità degli stessi ambienti.

 

D.      Abilità comunicative

Il percorso consentirà agli studenti di familiarizzare e conoscere le definizioni e gli elementi essenziali della prevenzione e dell’Igiene applicata allo sport e attività motorie ed acquisire il lessico essenziale.

 

E.       Capacità di apprendimento

Lo studente sarà in grado di approfondire in maniera autonoma e trovare fonti utili allo studio delle principali questioni trattate nell’insegnamento.

Competenze da acquisire RISULTATI ATTESI

A.      Utilizzo di libri di testo avanzati, conoscenza di alcuni temi d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio, con particolare attenzione al contesto contemporaneo.

 

B.      Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di maggiori competenze nell’ambito di situazioni che richiedono nozioni di prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

 

C.      Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare giudizi autonomi nell’ambito di articoli e ricerche su temi trattati.

 

D.      Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni nella progettazione di interventi in ambito sportivo.

 

E.       Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia, avendo una base generale della materia.

Organizzazione della didattica

 

DIDATTICA EROGATIVA

Ø  12 video lezioni

Ø  2 lezioni in sincrono

Ø  Podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.

 

DIDATTICA INTERATTIVA

Ø  1 forum di orientamento;

Ø  6 forum di approfondimento tematico (1 per ciascun modulo);

Ø  3 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica del profitto in itinere)

Ø  2 incontri interattivi con gli studenti in sincrono (ess. question time, ricevimento studenti, revisione compiti individuali, ecc.)

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

Testi consigliati Ø  Brandi G., Liguori G., Romano Spica V., Igiene e sanità pubblica per scienze motorie, Delfino Editore

 

Approfondimenti:

Ø  La Carta di Erice; Ann Ig 2015; 27: 406-414 doi: 10.7416/ai.2015.2018

http://www.seu-roma.it/riviste/annali_igiene/apps/autos.php?id=971

Ø  Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio. (GU Serie Generale n.51 del 03-03-2003)

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2003/03/03/03A02358/sg

Modalità di verifica in itinere L’accesso alla prova finale è subordinato allo svolgimento delle e-tivity che verranno comunicate nel semestre di riferimento dal docente e dal tutor disciplinare.
Modalità di svolgimento dell’esame finale La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui contenuti del corso (almeno tre). Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio specialistico.

Colloquio orale in presenza.

Lingua d’insegnamento Italiano

 

SSD: MED/42; CFU: 6

II ANNO; II SEMESTRE

Docente: Prof. Vincenzo Romano Spica 

Tutor disciplinare: Dott.ssa Federica Valeriani

 

 

Qualifica e curriculum scientifico del docente

 

Attualmente Professore Ordinario presso L’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”.

Preside della Facoltà di Scienze Motorie (2007-20010) – Presidente CdL Specialistica/Magistrale AMPA (2003-oggi).

Responsabile del laboratorio di Epidemiologia e Biotecnologie, Dipartimento Scienze della Salute (2002-oggi).

Ha perfezionato i suoi studi avendo come obiettivo una formazione che permettesse di applicare le recenti acquisizioni nel campo della biologia cellulare e gli strumenti della genetica e biologia molecolare a problematiche di Sanità Pubblica, con particolare attenzione alle prospettive della prevenzione e dell’ambiente.

Il Prof. Romano-Spica ha perfezionato i suoi studi lavorando anche in centri di ricerca all’estero, presso: il National Cancer Institute (National Institutes of Health, USA) (1991-1994); l’Istituto Nazionale di Igiene di Budapest, Ungheria (1990); the Scrips Research Institute, La Jolla, San Diego, CA, USA (1995); il Laboratory for Genomic Diversity, National Institutes of Health, Bethesda, MD, USA (1997) ed il TSRI (2005).

È componente del nucleo di valutazione della Commissione Europea FP7 e, nel contesto del V Programma Quadro, è stato membro della Commissione per la valutazione dei progetti di ricerca nel settore “Salute e Ambiente”.

Membro del Gruppo Nazionale Multicentrico MIUR sulla Legionellosi. Membro del gruppo di lavoro sui rischi derivanti da agenti biologici nei luoghi di lavoro del Comitato Nazionale per la Biosicurezza e Biotecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri (2003). Membro del comitato tecnico-scientifico del Consorzio Caspur per il Supercalcolo e la Ricerca (2004-2007) e del consiglio direttivo (2008-oggi). Membro della SItI, Società di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica, all’interno della quale ha assunto incarichi di coordinamento del Collegio Docenti di Igiene presso i CdL in Scienze Motorie (2006-2010) e di vicepresidenza della SItI-Lazio (2009-2010); Coordinatore del Gruppo di Lavoro SItI GSMS – Scienze Motorie per la Salute (2008-2011).

Il Prof. Vincenzo Romano Spica ha partecipato e presentato contributi scientifici a vari simposi e congressi nazionali ed internazionali ed è autore di pubblicazioni, su riviste nazionali ed internazionali.

Articolazione dei contenuti e suddivisione in moduli didattici del programma

 

L’insegnamento è organizzato in 5 moduli:

Modulo 1 – Elementi di igiene ed epidemiologia

Il modulo affronterà le seguenti tematiche: definizione e contenuti dell’Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica; il continuum Salute-Malattia ed i Modello Multifattoriale; malattie Cronico-Degenerative, Malattie Infettive, Morbosità evitabile; metodologia epidemiologica ed elementi di demografia e statistica sanitaria; principali misure in epidemiologia; epidemiologia osservazionale e sperimentale; il concetto di rischio e rischio percepito.

 

Modulo 2 – Elementi di microbiologia

Il modulo approfondirà i seguenti argomenti: i determinanti di salute e malattia; i fattori di rischio genetico, la classificazione dei fattori di rischio ambientale, I rischi trasversali e comportamentali; la rete dei fattori di rischio nelle malattie multifattoriali; elementi di microbiologia; la classificazione dei microrganismi; cenni di immunologia.

 

Modulo 3 – Cenni sulle malattie infettive e la prevenzione

Il modulo approfondirà i seguenti argomenti: la storia Naturale delle Malattie Infettive; il triangolo epidemiologico; le modalità di trasmissione delle malattie; le Epatiti; l’Influenza; l’AIDS; la legionellosi; il Tetano; la Malaria; gli indici di progressione delle malattie infettive.

 

Modulo 4 – La prevenzione

Il quarto modulo avrà invece come focus la prevenzione delle malattie infettive diretta all’ambiente e alla persona, i metodi e tempi della prevenzione, obiettivi e strumenti fondamentali, la prevenzione eziologico-ambientale, patogenetico-clinica, riabilitativo-sociale, le vaccinazioni, gli Screening e l’Educazione sanitaria.

 

Modulo 5 – Il servizio sanitario nazionale

Il modulo descriverà i servizi sanitari sul territorio con alcuni cenni storici, le Aziende Sanitarie Locali ed i Livelli Essenziali di Assistenza.
Inoltre verranno affrontati i seguenti argomenti: il concetto di salute per fasce d’età, nella scuola e nello sport, il microclima, i viaggi e le trasferte e la comorbidità nell’anziano, la salute in gravidanza, il complesso TORCH, gli screening neonatali ed infine la Promozione della Salute.

 

Modulo 6 – Elementi di igiene dello sport

L’ultimo modulo descriverà: gli elementi di Igiene dello Sport; i riferimenti normativi per la sicurezza e qualità degli impianti sportivi; l’igiene delle piscine e acque di balneazione; il piede d’atleta; la verruca plantare; l’orecchio del nuotatore e la Criptosporidiosi.

Infine, approfondirà i seguenti temi: l’igiene degli alimenti e della nutrizione; la Carta di Erice e le attività motorie preventive e adattate e gli elementi di promozione della salute.

Obiettivi formativi L’insegnamento si propone di far acquisire le basi fondamentali dell’Igiene e affrontare temi connessi alla prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

Inoltre, il percorso consentirà agli studenti di familiarizzare e conoscere le definizioni e gli elementi essenziali della prevenzione e dell’Igiene applicata allo sport e attività motorie ed acquisire il lessico essenziale. Al termine lo studente avrà incontrato le definizioni fondamentali per sapersi orientare nell’ambito della sicurezza e della salubrità di ambienti per lo sport e attività motorie.

È consigliabile, in maniera propedeutica, possedere alcune basi di Anatomia, Fisiologia e Biologia.

Risultati d’apprendimento previsti A.      Conoscenza e comprensione

L’insegnamento mira a far acquisire principalmente le basi fondamentali dell’Igiene e affrontare temi connessi alla prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

 

B.      Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Il corso mira a far acquisire una più profonda lettura della realtà dello sport e delle attività ad esso connesse attraverso le tematiche affrontate.

 

C.      Autonomia di giudizio

Al termine lo studente saprà orientarsi nell’ambito della sicurezza e della salubrità di ambienti per lo sport e attività motorie e valutare punti di forza e criticità degli stessi ambienti.

 

D.      Abilità comunicative

Il percorso consentirà agli studenti di familiarizzare e conoscere le definizioni e gli elementi essenziali della prevenzione e dell’Igiene applicata allo sport e attività motorie ed acquisire il lessico essenziale.

 

E.       Capacità di apprendimento

Lo studente sarà in grado di approfondire in maniera autonoma e trovare fonti utili allo studio delle principali questioni trattate nell’insegnamento.

Competenze da acquisire RISULTATI ATTESI

A.      Utilizzo di libri di testo avanzati, conoscenza di alcuni temi d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio, con particolare attenzione al contesto contemporaneo.

 

B.      Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di maggiori competenze nell’ambito di situazioni che richiedono nozioni di prevenzione e sicurezza in ambienti per la pratica di attività motoria e sportiva.

 

C.      Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare giudizi autonomi nell’ambito di articoli e ricerche su temi trattati.

 

D.      Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni nella progettazione di interventi in ambito sportivo.

 

E.       Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia, avendo una base generale della materia.

Organizzazione della didattica

 

DIDATTICA EROGATIVA

  •  12 video lezioni
  • 2 lezioni in sincrono
  • Podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.

 

DIDATTICA INTERATTIVA

  •  1 forum di orientamento;
  •  6 forum di approfondimento tematico (1 per ciascun modulo);
  • 3 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica del profitto in itinere)
  • 2 incontri interattivi con gli studenti in sincrono (ess. question time, ricevimento studenti, revisione compiti individuali, ecc.)

 

AUTOAPPRENDIMENTO

Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

Testi consigliati
  • Brandi G., Liguori G., Romano Spica V., Igiene e sanità pubblica per scienze motorie, Delfino Editore

Approfondimenti:

  • La Carta di Erice; Ann Ig 2015; 27: 406-414 doi: 10.7416/ai.2015.2018

http://www.seu-roma.it/riviste/annali_igiene/apps/autos.php?id=971

  • Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio. (GU Serie Generale n.51 del 03-03-2003)

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2003/03/03/03A02358/sg

Modalità di verifica in itinere L’accesso alla prova finale è subordinato allo svolgimento delle e-tivity che verranno comunicate nel semestre di riferimento dal docente e dal tutor disciplinare.
Modalità di svolgimento dell’esame finale La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso il colloquio orale sui contenuti del corso (almeno tre). Il voto (min 18, max 30 con eventuale lode) è determinato dal livello della prestazione per ognuna delle seguenti dimensioni dell’esposizione orale: padronanza dei contenuti, appropriatezza delle definizioni e dei riferimenti teorici, chiarezza dell’argomentare, dominio del linguaggio specialistico.

Colloquio orale in presenza.

Lingua d’insegnamento Italiano