Estetica

Corso di Laurea in “Metodi e tecniche delle interazioni educative”

a.a. 2017/2018

 

INSEGNAMENTO:

ESTETICA

 

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE: M-­‐FIL/04; CFU 6

III ANNO; I SEMESTRE

Docente: Prof. Andrea Mecacci – Prof.ssa Chiara Cantelli

Tutor disciplinare: Dott. Vincenzo Zingaro

Scarica scheda dell’insegnamento (PDF)

Qualifica e curriculum scientifico del docente

 

Andrea Mecacci
Professore associato presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Firenze.
Ha conseguito l’abilitazione alla prima fascia per l’insegnamento nel settore 11/C4 (Estetica e filosofia dei linguaggi) dall’11.07.2017.
Dal 2007 al 2012 Ricercatore presso il Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design, Università degli Studi di Firenze.
Dal 2013 Ricercatore presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Firenze e dal 1.09.2015 Professore associato.
Dal 2013 Membro del Collegio dei Docenti del Dottorato in Filosofia delle Università di Pisa e Firenze.
Socio ordinario della  SIE  (Società       Italiana d’Estetica). Co-­‐Editor di “Aisthesis. Pratiche, linguaggi e saperi dell’estetico”.Chiara Cantelli
Ricercatrice a tempo indeterminato presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Firenze. Ha conseguito l’abilitazione alla seconda fascia per l’insegnamento nel settore 11/C4 (Estetica e Filosofia dei Linguaggi) dal 17/10/2014.
Dal 01/10/2005 al 30/09/2007 e dal 01/02/2008 al 31/01/2009 è stata Ricercatrice a Tempo Determinato presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione e dei Processi Culturali e Formativi dell’Università degli Studi di Firenze.
Socio ordinario della SIE (Società Italiana d’Estetica).
Editorial Assistant della rivista on-­‐line in Classe A “Aisthesis. Pratiche, linguaggi e saperi dell’estetico”.
Articolazione dei contenuti e suddivisione in moduli didattici del programma

 

INDICE E DEFINIZIONE DEI CONTENUTI

Il corso si articola in due moduli:

  • Modulo 1 –  il primo ha come tema l’analisi del saggio di Walter Benjamin L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica,
  • Modulo 2 – il secondo l’analisi della proposta estetica di Corrado Ricci a partire dal saggio L’arte dei bambini.

Il primo modulo si propone di introdurre gli studenti alla comprensione dei problemi estetologici connessi allo scenario contemporaneo.

Come testo guida per approfondire questo scenario sarà analizzato il testo di Walter Benjamin L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica.

Le questioni principali che verranno affrontate saranno:

  1. Lo statuto dell’opera d’arte
  2. La sua produzione in relazione alla dimensione tecnologica
  3. Le modalità di fruizione dell’opera d’arte
  4. La fotografia e il cinema come esempi di arti tecnologiche
  5. L’emergere dell’arte di massa
  6. Il ruolo delle avanguardie all’interno di questi processi
  7. Il tema della percezione (“inconscio ottico” e “percezione distratta”)
  8. L’estetizzazione della politica e la policitizzazione dell’arte

Il secondo modulo affronta il problema del senso dell’estetica e dell’arte per la vita umana a partire dal suo primo emergere nel mondo infantile.
In particolare si concentrerà sui seguenti nuclei problematici:

  1. come nasce e si sviluppa nella specie umana un’attitudine estetica nei confronti degli altri e del mondo?
  2. in che rapporto sta l’esercizio di un’attitudine estetica con la dimensione emotiva e con quella cognitiva dell’esperienza
  3. l’attitudine estetica coincide con l’attitudine artistica? e, nel caso in cui non vi coincida, quale valore dare all’attività grafica infantile?
  4. è possibile educare i bambini al senso estetico dell’opera d’arte? e, nel caso sia possibile, l’attività grafica infantile può essere finalizzata allo sviluppo di un autonomo senso artistico?

Per affrontare i temi sopra enunciati verrà preso come testo guida L’arte dei bambini di Corrado Ricci (Bologna 1887).

Obbiettivi formativi e risultati d’apprendimento previsti e competenze da acquisire OBIETTIVI FORMATIVI:

A.      „ Conoscenza e capacità di comprensione
Il corso si propone di fornire le necessarie conoscenze di base per introdurre lo studente allo studio dell’estetica contemporanea e su alcuni dei paradigmi che tradizionalmente sovraintendono all’interpretazioni dei disegni infantili, in particolare la dimensione espressivo-­‐emotiva e quella simbolico-­‐rappresentativa.

B.      „ Conoscenza e capacità di comprensione applicate
Acquisire un orientamento critico verso i problemi e i contenuti affrontati dal corso e le loro possibili implicazioni operative.

C.      „ Autonomia di giudizio
Acquisire capacità di rilevare elementi contradditori che possono caratterizzare riflessioni di carattere generale sulle teorie inerenti il rapporto tra senso estetico e senso artistico

D.      „ Abilità comunicative
Acquisire competenze linguistico-­‐concettuali di base per trattare gli argomenti affrontati dal corso.

E.       „ Capacità di apprendere
Acquisire dei parametri di analisi da applicare nella lettura, nell’analisi e nella restituzione concettuale di un saggio critico inerente alle problematiche di base del corso.

RISULTATI ATTESI:

A.      „ Utilizzo di libri di testo avanzati, conoscenza di alcuni temi   d’avanguardia nell’ambito della materia oggetto di studio
Lo studente avrà modo di mettere a confronto le tesi degli autori affrontati con le posizioni espresse sullo stesso soggetto dalla più recente letteratura critica.

B.      „ Approccio professionale al proprio lavoro e possesso di competenze adeguate per concepire argomentazioni, sostenerle e  per risolvere problemi nell’ambito della materia oggetto di studio
Acquisire la capacità di organizzare una didattica efficace finalizzata a introdurre i bambini in età scolare e prescolare alla dimensione estetica delle opere d’arte.

C.      „ Capacità di raccogliere e interpretare dati utili a determinare giudizi autonomi.

Conseguimento degli Obiettivi declinati al punto C.

D.       „ Capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni ad interlocutori specialisti e non specialisti.
Conseguimento degli Obiettivi declinati al punto D.

E.       „ Capacità di intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia.
Stimolare lo studente affinché continui ad affrontare in autonomia i problemi considerati a partire dalla bibliografia fornita dal docente.

Organizzazione della didattica DIDATTICA EROGATIVA

  • 7  videolezioni
  • 1  video lezione in sincrono
  • Podcast di tutte le video lezioni sopramenzionate.

DIDATTICA INTERATTIVA

  • 1 forum di orientamento;
  • 2  forum di approfondimento tematico (1 per ciascun modulo);
  • 3 e-tivity strutturate (come descritte nelle Modalità di verifica del profitto in itinere)

AUTOAPPRENDIMENTO
Per ciascun modulo sono previsti materiali didattici: approfondimenti tematici, articoli del docente, letture open access, risorse in rete, bibliografia di riferimento, ecc.

Testi consigliati Testi obbligatori

  • W. Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, qualsiasi edizione
    (il testo è disponibile in versione digitale in Materiali di riferimento/Strumenti di ausilio)
  • C. Ricci, L’arte dei bambini, Zanichelli, Bologna 1887
    (il testo è disponibile in versione digitale in Materiali di riferimento/Strumenti di ausilio)
  • C. Ricci, La lanterna magica, “Corriere della sera”, 1-2 Novembre 1896 N.301, pp. 1-2
    (il testo è disponibile in versione digitale in Materiali di riferimento/Strumenti di ausilio)

Testi facoltativi

  • B. Cestelli Guidi, Genesi e ricezione internazionale de “L’arte dei bambini” di Corrado Ricci (1887), in Andrea Emiliani, Donatino Domini (a cura di), Corrado Ricci. Storico dell’arte tra esperienza e progetto, Atti del convegno (Ravenna, 27-28 Settembre 2001), Longo Editore, Ravenna 2005, pp. 29-50
    http://digital.casalini.it/8880634569

 

Modalità di verifica in itinere Lo svolgimento delle e-tivity previste nell’insegnamento non sono  propedeutiche all’esame finale; esse rappresentano un utile strumento per l’autovalutazione, il rinforzo e la verifica dell’apprendimento dei contenuti previsti in entrambi i moduli.

Al corsista verranno presentati 3 quiz a scelta multipla con la possibilità di verificare tutte le risposte essendo caratterizzati da un feedback immediato.

Modalità di svolgimento dell’esame finale Colloquio orale in presenza.
Lingua d’insegnamento Italiano